Ruggeri Tiziano, tromba

Tiziano Ruggeri tromba

Insegnamento: tromba

email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Giorni e lezioni

  • lunedì, giovedì, lezioni individuali
  • sabato, interclasse

Curriculum

1988
Inizia lo studio della tromba presso la Scuola Popolare di Musica di Testaccio sotto la guida del maestro Silverio Cortesi e segue vari seminari tra cui quelli con Cicci Santucci e Oscar Valdambrini

1994/95
Suona con i Mariachi Romatitlan, gruppo di musica messicana, con i quali partecipa a svariati festival di musica sudamericana in tutta Italia. Suona anche nelle ambasciate messicane di Grecia e Italia e sono ospiti in diverse trasmissioni televisive.
Inizia la sua lunga collaborazione con l’orchestra della SPMT diretta da Claudio Pradò con la quale ospitano come special guest il trombettista Marvin Stamm

1996
Suona con il gruppo Synaulia fondato da Walter Maioli con cui si esibisce in svariate manifestazioni di archeologia sperimentale in Olanda, nei musei di Leiden e Amsterdam, in Germania e negli anfiteatri di Monaco, Trier, Xanten e Aalen

2000
Fa la sua prima esperienza televisiva entrando a far parte per due anni dell’ orchestra di Sarabanda.
Registra con il Fabrizio La Fauci quintet il disco “Ecch!”

2001
Partecipa alla registrazione di alcuni brani sul disco di Mauro Andreoni “ Big bambino”

2003
Suona con la Testaccio Art of Jazz con ospite Vince Benedetti a villa Celimontata Registra il disco “in the mood for melodies” di Angelo Schiavi e Paolo Cerrone con ospite V.Benedetti

2004
Fa parte dell’orchestra stabile della trasmissione “Nessun dorma” di Paola Cortellesi

2005
Suona con la Testaccio Art of Jazz sempre con ospite V.Benedetti al festival jazz di Montalcino Suona al Felt club con il batterista John Ramsey in una edizione tutta italiana dei jazz messengers composta anche da C.Conti al sax, M.Urbani al sax, A.Beneventano al piano e V.Florio al basso.
Suona regolarmente con l’orchestra di Marco Omicini con cui ha il piacere di condividere il palco con musicisti del calibro di Eddie Henderson,George Garzone, Francesco di Giacomo e tanti altri.
Nello stesso anno decide di formare insieme a Carlo Conti quello che sarà poi il loro quintetto, I Conti Ruggeri. Suonano nella maggior parte dei locali romani e in altre rassegne (Festival Esperanto/Vieni in Provincia Festival-Villa Borghese Roma/Garbatella/Monterotondo/Latera in jazz/Fara Sabina...) proponendo esclusivamente brani originali di fattura bop-hard bop. Registra il disco “the third ear” del gruppo 60 were enough

2006
Registra con I Conti Ruggeri il suo primo disco da leader: “Cabosong” pubblicato dalla Philology.
Suona con la Mario Raja big band al festival jazz di Viggiano Suona al festival jazz di Montalcino con il quintetto di Angelo Schiavi con ospite V.Benedetti Suona con la Parco della Musica Jazz Orchestra diretta da Maurizio Giammarco con ospite Martial Solal al festival jazz di Bergamo Partecipa al grande concerto del primo maggio che si tiene a Roma con Vinicio Capossela Collabora inoltre con formazioni dirette da Bruno Biriaco, Piero Quarta, Franco Micalizzi

2007
Suona con l’orchestra di Mario Raja al festival jazz di villa Celimontana Suona con il quintetto di Maurizio Urbani in vari contesti tra cui alla Palma e alla Casa del jazz e partecipa per la prima volta all’incisione di alcuni brani free e non solo su un disco di Maurizio Urbani con la partecipazione di vari musicisti tra cui Antonello Salis.
Nel periodo maggio-giugno 2007 partecipa al musical “Cabaret” con M.Hunziker al teatro Sistina di Roma. Collabora sporadicamente con l’orchestra di Gerardo di Lella con cui tiene due concerti al Bebopjazzclub con ospiti i Neri per caso. Entra poi a far parte dell’ Orchestra Nazionale Italiana del Jazz con cui si esibisce in locali,teatri e scuole della capitale. Suona all Alexanderplatz con la Gang di Emanuele Basentini in un tributo a Bix Beiderbecke

2008
Continuano i concerti con “i Conti Ruggeri” in o manifestazioni e partecipa allo spettacolo di Enrico Montesano “Stasera che sera, un giorno all’asta” che tiene al teatro Team di Bari e ad Orbetello.
È ospite nel disco “con il pelo e con il vizio” del gruppo Rosso Malpelo. Suona con la Parco della Musica Jazz Orchestra all’auditorium di Roma con ospite Riccardo del Frà. Registra il disco “stakes” di Stefano Alagi

2009
Fonda insieme a Piersimone Crinelli al sax baritono il gruppo ACUD quartet, avvalendosi di un’ottima ritmica formata dai fratelli Stefano e Andrea Nunzi rispettivamente basso e batteria. Suona con la PMJO all’auditorium di Roma “soho moods”. Registra il disco “Stakes” di Stefano Alagi. Suona con la Mario Raja Big Bang a festival jazz di Pomigliano

2010
Suona con la PMJO all’auditorium di Roma con ospite il grande Bob Brookmeyer. Suona con la PMJO all’auditorium di Roma il concerto sacro di Duke Ellington con il coro di Santa Cecilia e ospite alla voce Petra Magoni.
Suona con la PMJO all’auditorium di Roma con ospite Amy Stewart un concerto tutto dedicato a Duke Ellington

2011
Registra con il suo gruppo ACUD il loro primo cd dal titolo “ACUD” per l’etichetta Lhobo. Visto il successo dell’edizione precedente viene replicato all’auditorium di Roma il concerto sacro di Duke Ellington con Petra Magoni e il coro di Santa Cecilia.
Collabora regolarmente con la Lake jazz orchestra, con cui incide il cd “Mission impossibile” e con il Fabrizio D’Alisera quintet, con cui incide il cd “Mr jobhopper”.
Registra il disco “metrò-mestieri 1” di Maurizio Ponziani. Ha la fortuna di essere invitato con il suo quintetto insieme a Piersimone Crinelli (b.sax), Lorenzo Petrocca (gtr), Stefano Nunzi (b), Calogero Marrali (drm) al 7° festival jazz di Maputo (Mozambico) dove suona un repertorio interamente dedicato a Lee Morgan. Partecipa alla registrazione dell’ultimo disco di Valeria Rinaldi “Terranova” e incide anche “Di fame di denaro di passioni” un cd di Dauniaorchestra del pianista e compositore Umberto Sangiovanni affiancato anche dalla voce di Gabriella Profeta.
E' ospite nel disco “uncle ghost” de I Mostri quartet e ha il piacere inoltre di essere chiamato da Massimo Pirone in occasione della registrazione del suo nuovo cd in sestetto, e da Mario Corvini, in questa speciale occasione in veste di arrangiatore e direttore del Castelli Jazz Collective, per dei concerti tributo a Joe Zawinul con ospite Antonello Salis

2012
Suona in più occasioni con il Castelli Jazz Collective diretto da Mario Corvini, in questo caso anche direttore e arrangiatore di tutti i brani, con ospite alla fisarmonica Antonello Salis. partecipa insieme alla PMJO diretta da Francesco Lanzillotta allo spettacolo teatrale "opera da tre soldi” con Massimo Ranieri tenutosi al teatro Olimpico.
È ospite del Mauro Ciccozzi trio per un tributo live al disco “in a silent way” di Miles Davis. Partecipa alla registrazione di due brani sul disco di Stefano Nunzi Vintage Machines “hand rolling tobacco” uscito per la Lhobo. Continua la sua collaborazione con Daunia Orchestra per una serie di concerti in Puglia e ha il piacere di unirsi al quartetto di Gegè Munari per un concerto su “Tramjazz”, nuova realtà a Roma per l’ascolto di ottima musica. Si esibisce insieme ad una sezione fiati con Stefano Di Battista e Nicky Nicolai in un concerto a Rimini

2013
Suona con la PMJO all’auditorium di Roma con ospite il trombettista Dave Douglas. Forma insieme ad alcuni dei migliori musicisti in circolazione il suo ultimo progetto, un ottetto, che come battesimo si esibisce per la prima volta in una delle rassegne musicali più interessanti del momento a Roma, ovvero la serie di concerti che si tengono settimanalmente al Cantiere organizzati dal collettivo AGUS.
Segue un tour di due settimane in Nord Europa (Finlandia e Svezia ) con il gruppo “5 In Organic” (T.Ruggeri-trp/S.Crinelli- b.sax/G.Ricciardo-t.sax/K.Luthala-organ/A.Luongo-drm).
Suona con il quintetto di Maurizio Urbani in diretta su radio3 per un tributo al fratello Massimo in occasione dei 20 anni dalla sua prematura scomparsa. Si esibisce con il Castelli Jazz Collective con ospite il sassofonista George Garzone.
Suona con la PMJO all’auditorium di Roma con ospite Paolo Fresu e Uri Caine per una riesecuzione del capolavoro di Miles Davis e Gil Evans “Sketches of Spain“.
Partecipa con il suo ottetto alla serata di chiusura del festival “jazz al castello” che si tiene a Gaeta in quella fantastica cornice che è il castello aragonese

2014
Suona con la PMJO al festival jazz di Ravenna dove ripropongono “sketches os Spain” con Paolo Fresu e Uri Caine. Suona nella Roma Big Band, nuova orchestra attiva nella capitale, nella quale ha l’occasione di cimentarsi anche come arrangiatore.

Scuola Popolare di Musica di testaccio
 seguici su facebook seguici su youtube seguici su twitter seguici su instagram